In offerta! Out of Stock

Il grande gioco

14,16

Category: Tag: Autore: David Almond Editore: Salani Pubblicato: 2013 Traduzione: A. Borghi Formato: Brossura

È cominciato tutto per gioco, un gioco che i ragazzi fanno d’autunno… Stoneygate è un’ex cittadina mineraria. In superficie i segni della presenza della miniera sono dappertutto: certi avvallamenti nei giardini, crepe nel manto stradale e sui muri, i pali della luce piantati di traverso o piegati, il terreno nero di particelle di carbone. Sotto, invece, brulicano antiche gallerie abbandonate, cave dimenticate, misteriosi cunicoli che si perdono nel buio. È qui che Kit, tredici anni, si trasferisce con la famiglia per stare vicino al nonno, ora che la nonna non c’è più. Ed è sempre qui che Kit conosce John Askew, ragazzo problematico, ombroso e violento, che organizza nella miniera il Gioco della Morte e sostiene di riuscire a vedere i fantasmi dei bambini morti. E mentre il nonno inizia a perdere la memoria, John cerca di trascinare l’amico in un nuovo e ancora più terribile Grande Gioco…

In precario equilibrio tra luce e tenebre, morte e ciclo eterno della vita, Almond riprende i temi della perdita e della crescita a lui cari in “Skellig” e “Mina” per narrare la storia di un ragazzo che ha bisogno di scendere nel buio per risalire alla luce ormai uomo.

Esaurito

È cominciato tutto per gioco, un gioco che i ragazzi fanno d’autunno… Stoneygate è un’ex cittadina mineraria. In superficie i segni della presenza della miniera sono dappertutto: certi avvallamenti nei giardini, crepe nel manto stradale e sui muri, i pali della luce piantati di traverso o piegati, il terreno nero di particelle di carbone. Sotto, invece, brulicano antiche gallerie abbandonate, cave dimenticate, misteriosi cunicoli che si perdono nel buio. È qui che Kit, tredici anni, si trasferisce con la famiglia per stare vicino al nonno, ora che la nonna non c’è più. Ed è sempre qui che Kit conosce John Askew, ragazzo problematico, ombroso e violento, che organizza nella miniera il Gioco della Morte e sostiene di riuscire a vedere i fantasmi dei bambini morti. E mentre il nonno inizia a perdere la memoria, John cerca di trascinare l’amico in un nuovo e ancora più terribile Grande Gioco…

In precario equilibrio tra luce e tenebre, morte e ciclo eterno della vita, Almond riprende i temi della perdita e della crescita a lui cari in “Skellig” e “Mina” per narrare la storia di un ragazzo che ha bisogno di scendere nel buio per risalire alla luce ormai uomo.

Età
Genere